McClelland Matured Virginia No. 27

McClelland Matured Virginia No. 27

mcclelland_matured_virginia_no._27_tin_50_gr Contenuto dichiarato: Virginia
Tipo miscela: base Virginia
Taglio: broken blake
Forza: media
Complessità aromatica: discreta
Tipo di fumata: disimpegnata
Confezione: latte da 50 e 100 gr
Prezzo attuale: non in vendita in Italia / USA $ $8.99 - $15.49

Prefazione del produttore

An excellent all day, indoor smoke. This beautiful Orange-red, shag cut cake has a mellow flavor and a light subtle aroma.

Recensione  

Aperta la tin, un forte profumo dolce e pungente al naso è subito impattante, con odori che ricordano l’uva passa e l’amarena. 
Al tatto è discretamente umido e si lascia sfilacciare facilmente per essere caricato successivamente nella pipa. 
Dall’apertura della confezione, le prime fumate potrebbero risultare un po’ squilibrate, è necessario farlo arieggiare un paio di giorni prima di essere consumato e apprezzato al meglio. 
Acceso il Matured Virginias No. 27 ha un ingresso dolce, ma non stucchevole con una buona sapidità. 
Lo sviluppo aromatico è tipico del Virginia, con sentori vegetali con aggiunta di cacao e legno resinoso. 
A combustione avanzata potremmo anche notare delle deboli note di tostatura. 
Al naso è leggermente speziato e piacevole. 
Per tutta la durata della combustione, questa risulterà lenta e molto regolare. 

In conclusione

É preferibile fumare il McClelland Matured Virginias No. 27 in pipe con un cannello non troppo corto, il che ci permetterà di godere appieno del suo sviluppo aromatico. 
In definitiva dona una fumata godibile per tutti e rilassante. Un ottimo modo per conoscere il tabacco Virginia

Voto: 7/8

 

Bonus per il lettori di GustoTabacco

Mi sono ascoltato più volte i concerti per pianoforte di Rachmaninov durante le fumate di questa miscela. Un’accoppiata ideale tra fumo, relax domenicale e musica.

mcclelland_matured_virginia_no._27_tobacco

Per la recensione che avete appena letto, ho fumato la miscela usando queste pipe: 
Al Pascià Curvy
Dunhill bent
Carlo Volpe rhodesian
Castello apple
Amorelli

P.S. 
Se l’articolo ti è piaciuto, fammelo sapere nei commenti o cliccando quei bei pulsantini social qualche pixel più in alto vicino al titolo. Te ne sarei davvero grato yes