garibaldi_con_il_toscano

‘O sigaro Garibaldi

Chi nun l’ha mai fumato
quacche vota l’ha d’à pruvà.
Ato che sigarett’
ò fummo è chistu ccà
prodotto naturale
poca nocività
salv’ i pulmuni e tasca
pecchè nun s’ha d’aspirà
‘nu Garibald o’ juorno
just p’o’ pruvà
si u’ fumi ropp u’ pranz’
te sient’ è ripiglià
è pieno, allappant’
gentile e rilassant’.
E chillu fumo  bianc’
che saglie verso o’ cielo
se porta assieme a isso
stanchezza e rispiaceri.
Ti calma, ti rilass’
ti renn’ cchiù sren’
è quann a’ fine o’ stuti
te sient’ cchiù leggiero.

 

Poesia (in dialetto) che inneggiava al nuovo sigaro Toscano Garibaldi, nato a Cava nel 1982 in occasione del centenario  della morte del nostre Eroe Nazionale, che rispettava appieno il disciplinare del nostro “sigaro toscano tradizionale”, il cui nome deriverebbe dal vocabolo Maya “sik’ar”, adottato, per l’occasione, dagli spagnoli e convertito in lingua latina come “cigarro”.

Avatar

Sono il fondatore di GustoTabacco: il primo Blog italiano sul lento fumo ed il buon vivere. Scrivo tutte le recensioni del blog e ne supervisiono tutti i contenuti.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"