Virginia-tobacco

Il tabacco Virginia

Il Virginia è il tabacco usato come base per le miscele da pipa e per le sigarette ed è, quindi, il più coltivato nel mondo.
Si stima che di tutte le produzioni mondiali di tabacco più del 60% sia dedicato alla coltivazione di virginia.
Il nome deriva dallo stato americano dove, agli inizi del 1600, i primi coloni inglesi ne iniziarono la coltivazione.

Il Virginia si divide in due varietà

Bright Virginia di colore chiaro e foglia sottile, di sapore dolce e delicato

Dark Virginia di colore marrone, più forte ed ormai meno utilizzato.

Il Virginia è coltivato, ormai, in tutto il mondo: nel Nord America (Virginia, Carolina del Nord e del Sud, Georgia, Florida e Alabama), nel Sud America (Argentina e Brasile), in Africa (Sud Africa, Zimbabwe, Malawi, Tanzania e Zambia), in Asia (India, Pakistan, Filippine, Corea del Sud, Thailandia, Giappone e, soprattutto, in Cina, maggior produttore mondiale), in Oceania (Australia e Nuova Zelanda), e, infine, in Europa (Paesi dell’Est, Grecia e la nostra Italia).

In Italia si coltivano il bright americano e il bright italia tradizionale.

Il bright italia tradizionale, essendo meno aromatico, è molto usato come base per le miscele per la pipa.

Il Virginia viene essiccato tramite un particolare procedimento chiamato flue cured, un metodo complesso che dura anni e richiede una grande pratica.

In un’apposita cella di cura le foglie sono poste in telai di varie forme sotto l’azione del fuoco indiretto e della ventilazione forzata, questo trattamento consente di mantenere inalterati e naturali i valori degli zuccheri.

Prima di poter essere estratto dalla cella il tabacco è sottoposto ad un graduale processo di umidificazione all’interno della stessa.

Samuel Gawith Full Virginia Flake

Il Virginia si può considerare un tabacco dolce, di aroma leggero e con un’ottima combustione che, tuttavia, tende a scaldare troppo la pipa ed ad irritare lingua e gola.
Per questo motivo viene miscelato spesso con burley, latakia ed orientali, tuttavia, specialmente in America ed Inghilterra ci sono molti estimatori che lo fumano puro.

P. S.
E’ un peccato che ogni tanto mi concedo anch’io, in un’apposita pipa di pannocchia dedicata.